Livia Paccarié

Livia Paccarié

Non solo rosa: se ti sporchi le mani capisci chi sono 

 

 

È una ragazza dinamica e spigliata ma anche semplice, con una delicatezza neppure troppo nascosta. Basta poco per farla felice, pure una margherita dal fidanzato (meglio se raccolta nel prato della Luiss) o un cuore su WhatsApp. Livia Paccarié ha 24 anni ed è romana. Per capire chi è basta scorrere un suo vecchio blog, Rosa Cannella: «Non lo aggiorno da un po’, ma ancora oggi rispecchia la mia sensibilità e ciò in cui credo». 

 

Che studi hai fatto? 

 

«Sono nata e cresciuta a Roma. Ho frequentato Lettere Moderne alla Sapienza, dove mi sono laureata con una tesi su Pirandello, e poi la magistrale in Filologia Moderna. Tra le mie passioni c’è il teatro, ci vado più spesso che posso e amo le rivisitazioni dei classici in chiave moderna: avete mai visto un’Antigone che finisce con gli addetti alle pulizie impegnati a lavare il sangue? Ma una parte importante della mia vita è stato anche lo scoutismo: sono stata una scout per 17 anni, dalla prima elementare fino all’anno scorso. È lì che ho iniziato a stare sul campo. Mi piace stare in mezzo alle persone, parlarci». 

 

Hai già qualche esperienza a livello giornalistico? 

 

«Ho collaborato con VediamociChiara, una rivista online che si occupa di salute e benessere femminile rivolta a un pubblico under 30. Nel 2014 ho realizzato un’indagine sulla pillola del giorno dopo e sulla pillola dei 5 giorni dopo. Una vera inchiesta sul campo. Provai a chiedere queste pillole, per cui non serviva più la ricetta, in diverse farmacie: ma in cinque casi su dieci, per un motivo o per un altro, il farmacista si rifiutò di darmele». 

 

Sei stata scout con il gruppo cattolico Agesci. Non vedi qualche contraddizione tra la tua educazione religiosa e i temi di cui ora ti occupi? 

 

«Ho ricevuto un’educazione cattolica e sono praticante, ma la mia famiglia è sempre stata molto aperta. Capisco cosa intendi, ma vedo anche che negli ultimi tempi ci sono state grandi aperture nel mondo della Chiesa. C’è ampio spazio per conciliare queste due dimensioni e credo sia la strada su cui dobbiamo insistere». 

 

Benessere femminile, stili di vita e relazioni: ti senti una femminista? 

 

«In realtà le etichette mi stanno un po’ strette, non mi piace essere catalogata. Sono femminista a modo mio: semplicemente penso che la libertà non sia un dono ma una scelta che le donne devono fare in modo consapevole, in prima persona ma senza escludere gli uomini. Bisognerebbe scardinare la divisione binaria tra uomini e donne, non ha senso continuare a contrapporci». 

 

Da dove deriva il tuo interesse per questi temi? 

 

«Sono cresciuta in una famiglia matriarcale: ora in casa siamo tre donne, vivo con mia madre e mia sorella. E forse alcune presenze femminili forti mi hanno influenzato più delle figure maschili con cui ho avuto a che fare. Ma in realtà la mia passione per le tematiche femminili deriva da un più generale interesse per i temi dell’identità: ecco il Pirandello della mia tesi, Uno, nessuno e centomila! Mi piace parlare con le persone per capire chi sono davvero; “sporcarmi” con idee diverse dalle mie, contraddire gli altri ed essere contraddetta. Solo così emerge l’identità, la mia e quella di chi mi circonda». 

 

A cura di Enrico Dalcastagné


David Sassoli Vincenzo Boccia Master giornalismo 21022020 Luiss viale Pola
Il Presidente del Parlamento Europeo all’inaugurazione del biennio della Scuola di Giornalismo...
Boy Scouts
L'organizzazione dichiara il fallimento. Una storia di contraddizioni e denunce che dura dal 1935
Domenico Starnone Piccolo Eliseo
Sul palco del Piccolo Eliseo va in scena lo spettacolo che vede l’autore nei panni del più...
murales zaky
Le dichiarazioni dei familiari e il ritratto dello studente egiziano, ancora in custodia Mensura
Turisti asiatici e italiani si proteggono con la mascherina al volto da un possibile contagio dal coronavirus alla Stazione Termini, Roma, 30 gennaio 2020.
ANSA/MASSIMO PERCOSSI
L’uso generalizzato, e in alcune città cinesi obbligatorio, della mascherina mette in crisi il...
Confagricoltura Conte
"Identità e futuro": l'evento di due giorni alla Business School. Il premier: «Agricoltura...
_DSC8632
Presentazione della "città delle cento chiese" nell'incontro con l'autore. Le parole di Walter...
WhatsApp Image 2019-12-30 at 15.51.43
Quattro lettrici che diventano amiche che diventano colleghe. Una libreria indipendente col...