Francia, è morto Vincent Lambert

(FILE) - Vincent Lambert (R), who has been in a vegetative state since 2008, and his mother Viviane look at a painting at the hospital in Reims, France, 25 July 2013 (reissued 21 may 2019). A French court has ordered the resumption of life-supporting measures for Vincent Lambert, after doctors had halted nutrition and hydration on 20 May, in line with wishes of his wife to end life supprt. Lambert was left in a vegetative state by a motorcycle accident in 2008.  ANSA/PHOTOPQR/L'UNION DE REIMS FRANCE OUT

Da più di 10 anni in stato vegetativo, i medici avevano interrotto cure e alimentazione dalla settimana scorsa


È morto Vincent Lambert, l’uomo tetraplegico in stato vegetativo da oltre 10 anni, diventato simbolo della lotta per il fine vita in Francia. Dopo l’ultima decisione del tribunale amministrativo di Châlons-en-Champagne, i medici dell’ospedale di Reims hanno sospeso cure e alimentazione dalla scorsa settimana. Vincent Lambert, 42 anni, era finito in stato vegetativo nel 2008 a causa di un incidente stradale. Da allora una serie di infinte battaglie legali fra la moglie Rachel, che ha sempre chiesto di staccare la spina, e la madre Viviane, che si è invece battuta affinché non fossero interrotte le cure.

Da lunedì si è arresa però anche lei, definendo ormai «inevitabile» la morte di Vincent. La maggior parte degli altri familiari, a partire dalla moglie Rachel, erano invece schierati per l’arresto delle terapie, così come il suo medico e i sanitari che lo avevano in cura. Quella della moglie di Vincent è stata una battaglia giudiziaria molto lunga, ma poco mediatica, nel tentativo di proteggere la figlia nata pochi mesi prima dell’incidente.

D’altra parte Viviane Lambert, la madre di Vincent, ha fatto del figlio una sorta di bandiera mediatica. La donna, fervente cattolica, è infatti legata alla Fraternità San Pio X fondata dal cardinale Marcel Lefebvre. Una storia che ha alimentato il dibattito sul fine vita per oltre 10 anni in Francia, giunta oggi alla sua inevitabile conclusione.

condividi