Figc, c’è la sentenza: Palermo retrocesso in C

FIGC

Rosanero declassati all'ultimo posto in Serie B, stravolta la classifica


Palermo declassato all’ultimo posto della classifica di Serie B. È questa la sentenza del tribunale federale nazionale della FIGC sull’illecito amministrativo contestato dalla procura ai rosanero. Il provvedimento sarà immediato, Palermo retrocesso in Serie C. Il club farà ricorso contro la sentenza.

I rosanero erano secondi, già sicuri del secondo turno di playoff, ma ora cambia tutto: al posto del Palermo andrà il Perugia di Alessandro Nesta, arrivato nono in campionato. Benevento e Pescara andranno al secondo turno, mentre Verona, Spezia, Cittadella e Perugia disputeranno il primo turno. Cambiano anche i playout: Venezia salvo, Salernitana e Foggia allo spareggio per non retrocedere in Serie C (insieme a Palermo, Padova e Carpi). I pugliesi erano arrivati terzultimi dopo la sconfitta con il Verona al Bentegodi.

I MOTIVI DELLA RETROCESSIONE

Il Palermo risponde per responsabilità oggettiva e diretta con l’accusa di illecito amministrativo legata all’operazione Mepal-Alyssa (la holding lussemburghese – riferibile a Zamparini – in debito con il club). La Procura federale aveva contestato la fittizietà della plusvalenza realizzata tramite la cessione del marchio, sul filone dell’inchiesta già condotta dalla Procura di Palermo.

condividi