Juventus – Ajax, questi sono numeri

Juventuss Cristiano Ronaldo disappointed during the return match of the Uefa Champios League quarter-finals Juventus FC vs AFC Ajax at the Allianz Stadium in Turin, Italy, 16 April 2019 ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

I Bianconeri hanno fallito il principale obiettivo stagionale, perdendo 2 a 1 allo Stadium contro un Ajax inarrestabile. Diamo un po' di dati


-25%: era la quotazione in Borsa della Juventus al risveglio da incubo di stamattina (titolo sospeso per eccesso di ribasso, poi rientrato). La Champions League vale tantissimo in termini di immagine e di introiti veri e propri. La Juventus quest’anno si era presentata ai nastri di partenza con l’obiettivo dichiarato di vincere, dopo aver pagato 100 milioni sull’unghia per assicurarsi i servigi di Cristiano Ronaldo.
+10%: la cifra con la quale si è presentato l’Ajax alla Borsa di Amsterdam il giorno dopo Juventus-Ajax 1-2. Nobile del calcio mondiale, il club che forse più ha inciso nella storia del calcio europeo, l’Ajax non giocava una semifinale di Champions League dal 1996, quando sconfisse i greci del Panathinaikos per poi perdere la finale ai rigori: contro la Juventus di Marcello Lippi.

100 milioni di euro: è la cifra che guadagna ogni anno Cristiano Ronaldo. 31 milioni di solo stipendio, poi c’e tutto il ‘Ronaldo World’ che gli gravita attorno, tra sponsor vari e circo mediatico-pubblicitario.
54 milioni di euro:
è il monte ingaggi totale di tutti i giocatori dell’Ajax messi assieme. Qualche vecchio affidabile, vedi il serbo Dusan Tadic e il danese Lasse Schøne, e tantissimi giocatori provenienti dal settore giovanile.

ANSA/ANDREA DI MARCO
ANSA/ANDREA DI MARCO

24,63: l’età media dell’undici titolare dell’Ajax nella partita di ieri. Matthijs de Ligt, il capitano dell’Ajax e autore del gol partita, è nato il 12 agosto del 1999. Frenkie de Jong, centrocampista dai piedi buoni classe 1997, è già stato acquistato dal Barcellona di Messi.
27,90: l’età media dell’undici titolare della Juventus, che nel post-partita il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha definito “relativamente giovane”. Chiellini è nato nel 1984. Ronaldo nel 1985, Mandzukic nel 1986, Khedira, Matuidi e Bonucci nel 1987.

15: la media gol fuori casa dell’Ajax in questa Champions League (preliminari compresi) è di 1,87. 15 gol in 8 trasferte in tutto. I “lancieri” hanno vinto 4-1 al Santiago Bernabeu eliminando il Real Madrid, e oltre alla vittoria a Torino con la Juventus, hanno pareggiato 1-1 a Monaco di Baviera con il Bayern.
0,87: la media della Juve. 5 gol in 6 partite in trasferta. Nella fase a eliminazione diretta: sconfitta a Madrid con l’Atletico 2-0 e pareggio a Amsterdam con l’Ajax 1-1.

1751: le partite consecutive dell’Ajax in cui veniva schierato almeno un giocatore proveniente dal proprio settore giovanile.
7 su 11: i calciatori schierati ieri sera da ten Hag, l’allenatore dell’Ajax, che provengono dal settore giovanile. La Juventus si presentava con zero prodotti del settore giovanile. La giovane promessa Moise Kean tuttavia è subentrata nel secondo tempo.

 

 

condividi