Catania, stupro di gruppo ai danni di una 19enne americana: tre arresti

poli

Gli aggressori sono stati identificati grazie a un video che la ragazza aveva girato con loro in un locale del centro


Stupro di gruppo a Catania, ripreso con un cellulare. Tre ragazzi tra i 19 e i 20 anni – Roberto Mirabella, Salvatore Castrogiovanni e Agatino Spampinato – sono stati arrestati con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di una 19enne americana, in Sicilia da circa 3 mesi per lavorare come babysitter in una famiglia. Il 15 marzo scorso, secondo quanto ricostruito dalle autorità, la ragazza si trovava insieme a un’amica in un bar di via del Teatro Massimo.

Nel corso della serata è stata avvicinata dai tre ragazzi che, dopo averle offerto qualche drink, l’hanno convinta a spostarsi in un altro bar, e poi l’hanno obbligata a salire sulla loro auto (uno dei tre le ha intimato di stare zitta, dopo averla afferrata per un braccio l’ha spinta sul sedile posteriore). La ragazza ha provato a chiamare il 112, uno di loro gliel’ha impedito, e una volta fermata l’auto in luogo appartato i tre hanno abusato a turno della vittima, riprendendo tutto con i loro telefoni.

Il giorno seguente la ragazza si è confidata con la famiglia e ha deciso di rivolgersi ai Carabinieri, i quali – coordinati dal magistrato e dal pool specializzato in reati simili – hanno ricostruito i fatti. Le autorità hanno sequestrato alcune registrazioni fatte dalla ragazza all’interno del bar e un video inviatole sul suo profilo la mattina successiva da uno degli autori della violenza. I tre ragazzi sono stati arrestati e portati a Piazza Lenza, carcere di Catania, con l’accusa di stupro.

condividi