Sea Watch, dieci paesi aprono le porte ai 49 migranti: oggi il summit a Bruxelles

Foto dal profilo Twitter di Sea-Watch Italy

In programma oggi il Consiglio Affari Generali dell'Ue, i 49 migranti bloccati a largo di Malta in attesa di una risposta


Foto dal profilo Twitter di Sea-Watch Italy

Bloccati da 18 giorni a largo di Malta, i 49 migranti a bordo delle navi delle ong Sea Watch e Sea Eye saranno al centro delle discussioni del Consiglio Affari Generali dell’Ue in programma quest’oggi a Bruxelles. Una decina di paesi – fra cui Italia, Germania, Francia, Portogallo, Lussemburgo, Olanda e Romania – sono disposti ad accogliere i migranti, a patto che La Valletta apra i porti per permettere gli sbarchi. Malta, dal canto suo, chiede in cambio che i 249 profughi soccorsi nei giorni scorsi siano ridistribuiti all’interno dei paesi membri dell’Ue. Il summit in programma a Bruxelles avrà il compito di risolvere questa fase di stallo, dal momento che per ora nessuna delle parti in gioco sembra disposta a fare passi indietro. Nessuna proposta è pervenuta invece dai paesi dell’est Europa. All’arrivo al Consiglio Affari Generali nella capitale belga, il ministro Enzo Moavero Milanesi ha smorzato i toni: «Può darsi che la questione migranti venga evocata, ma non è detto che se ne debba discutere».

A bordo della Sea Eye

condividi