Roma – Liverpool: 34 anni dopo il passato torna a bussare

Liverpool

Cresce l’attesa per una sfida che vale la finalissima. Tensione in città per l’arrivo di oltre cinquemila inglesi


Una Roma blindata si prepara ad accogliere il Liverpool ed i suoi tifosi. Crescono di pari passo l’attesa per la semifinale di Champions League e la tensione, alla luce di quanto accaduto nella gara d’andata. In città, infatti, sono previsti oltre 5 mila tifosi inglesi, cinquanta dei quali definiti pericolosi. La polizia per l’occasione ha predisposto un minuzioso piano di sicurezza e previsto l’impiego di un migliaio di agenti. L’augurio, condiviso da tutte le parti, è di non trovarsi di fronte il replay di quindici giorni fa, quando gli scontri tra i supporters provocarono il ferimento di Sean Cox, tifoso irlandese dei Reds, ancora in condizioni critiche.

Liverpools players during a training session at Olimpico stadium in Rome, Italy, 01 May 2018. Liverpool will face AS Roma in the UEFA Champions League semi final second leg soccer match in Rome on 02 May 2018. ANSA/ETTORE FERRARI
Liverpools players during a training session at Olimpico stadium in Rome, ANSA/ETTORE FERRARI

La partita L’evento sportivo manca nella capitale dal 1984, anno in cui i giallorossi, con un cammino ai limiti della perfezione, si spinsero fino all’ultimo atto. Allora, proprio allo stadio Olimpico, furono lo stesso Liverpool e i calci di rigore a precludere ad un’intera città il sogno di sollevare la coppa dalle grandi orecchie. Oggi la cornice sarà simile, mentre l’esito ci si auspica diverso. Sebbene la partita di Anfield, terminata 5-2 per i padroni di casa, abbia lasciato poco spazio a voli pindarici, un impianto stracolmo proverà a trascinare i suoi beniamini verso l’ennesima impresa della stagione. Difficile certo, ma non impossibile. La Roma è stata fin qui protagonista di un percorso impeccabile, fatto di notti memorabili e scalpi eccellenti. Sotto i colpi di Dzeko e compagni sono caduti Chelsea, Shakhtar Donetsk e soprattutto Barcellona. Di Francesco confida nella possibilità di replicare la gara contro i blaugrana e per farlo ha deciso di cambiare, passando alla difesa a quattro. Dall’altro lato Jurgen Klopp proporrà il solito tridente delle meraviglie: Salah, Firmino, Mané, confermando un’indole estremamente offensiva.

Real in finale Intanto ieri il Real Madrid ha pareggiato 2-2 con il Bayern Monaco e prenotato l’aereo per Kiev. Alla doppietta di Benzema hanno risposto Kimmich e l’ex James Rodriguez: non è stato sufficiente, perché decisiva si è rivelata la vittoria dei blancos in terra bavarese. Restano tuttavia i rimpianti per gli errori individuali dei tedeschi, pesanti nell’ottica del doppio confronto, e qualche scelta arbitrale.
Per conoscere l’avversario degli spagnoli bisognerà aspettare poche ore e, si spera, l’ennesima notte magica.

condividi