Cannabis, maxi-sequestro da 6 mila chili nel ragusano

Droga: scoperta serra con 6 tonnellate cannabis tra pomodori

15 mila piante di cannabis estirpate e un uomo arrestato. E' questo il bilancio della maxi-operazione che ha tenuto impegnati per quasi due giorni gli uomini della squadra mobile di Ragusa


Arbusti di pomodorini tipici della zona di Vittoria, nel Ragusano, piantati lungo tutto il perimetro del campo. Era questo l’escamotage utilizzato da Carmelo Gurrieri, 53 anni, per nascondere ad occhi indiscreti il reale oggetto della coltivazione: 15 mila piante di cannabis di diverse dimensioni, installate in una serra all’interno di un terreno di 3.500 mq. Precauzioni che tuttavia non sono riuscite a trarre in inganno la squadra mobile di Ragusa e gli uomini del commissariato di Vittoria, che hanno sequestrato complessivamente 6 tonnellate di droga, per un valore stimato in diversi milioni di euro, e arrestato il coltivatore. L’indagine è partita dalle segnalazioni di alcuni contadini della zona, che hanno raccontato alle forze dell’ordine di sentire un forte odore di marijuana proveniente dai campi. Gli inquirenti, coordinati dalla procura di Ragusa, si sono attivati per perlustrare la zona con l’ausilio di un drone e, dopo aver individuato la coltivazione di cannabis, hanno effettuato un lunghissimo appostamento per arrestare l’uomo, colto in flagrante mentre annaffiava la piantagione. Guerrieri ha ammesso le proprie responsabilità, ma senza fornire alcun dettaglio sui probabili complici. Ma il lavoro delle forze dell’ordine è durato per altre 36 ore; tanto hanno impiegato gli uomini del commissariato di Vittoria per sradicare le piante, utilizzando anche una ruspa, e caricarle su due tir. L’ingente quantitativo di stupefacente è stato quindi scortato e trasportato presso la questura di Ragusa, dove è attualmente sorvegliato in attesa di essere distrutto. Sono in corso le analisi sulla droga sequestrata per accertare la qualità ed il principio attivo in modo da poterne stimare l’esatto valore commerciale.

 

condividi