Si rafforza l’alleanza «atomica» tra Putin e Erdogan

EPA/TUMAY BERKIN

Nasce in Turchia la prima centrale nucleare finanziata totalmente dalla Russia


Si fa sempre più stretto il legame tra Russia e Turchia sul delicato tema del nucleare. Ieri il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha posato personalmente la prima pietra che inaugura la costruzione della centrale nucleare di Akkuyu, di fronte all’isola di Cipro.

La realizzazione della centrale è finanziata con i rubli russi forniti dalla compagnia energetica Rosatom. Assieme ad Erdogan all’inaugurazione si trovava infatti anche Vladimir Putin, appena uscito dal trionfo elettorale. Il progetto fornirà il 10% del fabbisogno energetico della Turchia e rappresenta, secondo Erdogan, “un momento storico nelle relazioni con la Russia”.

Per la Russia l’importanza strategica dell’operazione è notevole, considerando che la centrale russa è la prima a trovarsi nell’area del Mediterraneo, da sempre obbiettivo primario della geopolitica del Cremlino. Il legame economico-strategico tra i due paesi non si esaurisce solo sul piano energetico; oggetto della visita del presidente russo è stata anche una sempre più probabile collaborazione in campo militare. Mosca ha fornito ad Ankara il sofisticatissimo sistema di difesa aerea denominato S-400 sugellando una partnership che preoccupa non poco i vertici della NATO.

condividi