Né giudici, né precettori

 

Albert Camus «Facciamo un po' di autocritica. Il nostro mestiere, che consiste nel chiarire ogni giorno, di fronte a quanto accade, le esigenze del buon senso e della semplice onestà interiore, non è esente da rischi. Per volere il meglio, ci si dà a giudicare il peggio e talvolta anche quel che è semplicemente meno peggio. Insomma, si rischia di assumere l'atteggiamento sistematico del giudice, dell'istitutore o del professore di morale. Da una simile deformazione professionale alla presunzione o all'insolenza non c'è che un passo. Speriamo di non avere mai fatto quel passo. Ma non siamo sicuri di essere sempre riusciti a evitare un rischio: dare l'impressione di crederci i detentori del privilegio della lungimiranza e della superiorità di chi non sbaglia mai. Il che non è. Noi coltiviamo infatti il sincero desiderio di collaborare all'opera comune con la pratica periodica di alcune regole di coscienza, delle quali - a nostro parere - la politica non ha fatto finora un largo uso. La nostra ambizione è tutta qui. E, beninteso, se facciamo notare i limiti di certe idee o condotte politiche, lo facciamo perché conosciamo anche i nostri, e cerchiamo di rimediarvi facendo ricorso a qualche scrupolo di coscienza. Tuttavia l'attualità ha un che di esigente, e il confine che separa la morale dal moralismo è impreciso. Per cui a volte ci succede, per stanchezza o per negligenza, di oltrepassarlo. Come sfuggire a tale pericolo? Con l'ironia. Senonché non ci troviamo a vivere, ahimè, in tempi di ironia. Ci troviamo a vivere, ancora, in tempi d'indignazione... È tutto difficile. La giustizia è insieme un'idea e un sentimento dell'anima. Cerchiamo di interpretarla per ciò che essa ha di umano, senza trasformarla in quella terribile passione astratta che ha vessato tanti uomini. L'ironia non ci è estranea, e non saremo certo noi a prenderci troppo sul serio»

Albert Camus, novembre 1944.


La Scuola Superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” della LUISS Guido Carli di Roma, fondata nel 1983 e aggregata al Dipartimento di Scienze Politiche, è a numero chiuso con l’iscrizione al praticantato giornalistico, secondo la normativa vigente e sulla base di una convenzione stipulata con il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti.

Possono accedere, per concorso, coloro che hanno conseguito un diploma di laurea di ogni livello e in qualunque disciplina, anche all’estero e legalmente riconosciuto in Italia. La frequenza è obbligatoria, a tempo pieno.

In ogni biennio vengono impartite  circa 2.000 ore di lezioni tra didattica frontale,  seminari  e di laboratorio sulla testata “Reporter nuovo” di giornalismo, giornalismo online, giornalismo televisivo, giornalismo radiofonico e fotogiornalismo.

 

Maggiori informazioni

 

Stiamo preparando il nostro nuovo sito. Stay tuned!