Marra sarà processato per la promozione del fratello

Per l’ex braccio destro del sindaco di Roma Virginia Raggi il dibattimento inizierà il prossimo 20 aprile.

Raffaele Marra è stato rinviato a giudizio per abuso d’ufficio, in un processo che prenderà il via con la prima udienza il prossimo 20 Aprile. Per l’ex capo del personale del Campidoglio, braccio destro del sindaco di Roma Virginia Raggi, non ha retto la linea difensiva secondo cui non avrebbe avuto alcun tipo di voce in capitolo nella promozione di suo fratello, Renato Marra, alla direzione dell’Ufficio Turismo capitolino, con conseguente aumento di stipendio di 20 mila euro annui. I giudici hanno visionato e-mail e sms scambiati tra lo stesso Marra e la Raggi, constatando che l’influenza esercitata dal primo nella decisione ufficialmente presa dalla seconda fosse determinante. È il motivo per cui la Procura di Roma aveva chiesto che il sindaco fosse giudicato nello stesso processo, ma per un altro reato contestato, quello di falso documentale. La Raggi ha però deciso, con i suoi legali, una differente strategia difensiva. Andrà a processo con rito immediato, e non ha avuto bisogno di aspettare il rinvio a giudizio. La prima udienza per lei è stata fissata per il prossimo giugno. La decisione è stata criticata da chi sostiene che nella volontà del sindaco di sottoporsi al rito immediato, abbia prevalso proprio il fatto di sottrarsi ad un eventuale rinvio a giudizio a ridosso delle elezioni politiche.

L'ex braccio destro della sindaca di Roma Virginia Raggi, Raffaele Marra esce dal tribunale di Roma dopo l'udienza a Roma, 9 gennaio 2018. ANSA/MASSIMO PERCOSSI
L’ex braccio destro della sindaca di Roma Virginia Raggi, Raffaele Marra esce dal tribunale di Roma dopo l’udienza a Roma, 9 gennaio 2018.
ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Nel filone processuale che vede invece Marra coinvolto con l’imprenditore immobiliare Sergio Scarpellini con l’accusa di concorso in corruzione, il giudice per le indagini preliminari ha rinviato l’udienza a causa delle precarie condizioni di salute dello stesso Scarpellini.

Luca Roberto

condividi