Usa: spari contro deputati repubblicani, cinque feriti


James T. Hodgkinson ha aperto il fuoco, ad Alexandria, in Virginia, contro alcuni esponenti politici che giocavano a baseball. L’assalitore è stato ucciso dalla polizia


 

Crime scene investigators search for evidence at the scene of a multiple shooting in Alexandria, Va., Wednesday, June 14, 2017, where House Majority Whip Steve Scalise of La., and others, were shot during a congressional baseball practice. (ANSA/AP Photo/Cliff Owen)

 

Un grave atto di violenza politica ha sconvolto, ieri mattina poco dopo le sette, gli Stati Uniti. Ad Alexandria, in Virginia, James T. Hodgkinson, 66 anni e attivista di Bernie Sanders, ha esploso tra i cinquanta e i cento colpi d’arma da fuoco contro alcuni deputati repubblicani che stavano giocando a baseball. Cinque i feriti, tra cui il numero tre dei repubblicani alla Camera Steve Scalise, fedelissimo di Donald Trump. I deputati si stavano allenando per il Congressional Baseball Game, una ricorrenza annuale che vede sfidarsi, in uno degli sport più amati dagli americani, deputati democratici e repubblicani all’insegna della sportività. L’assalitore, originario di Belleville, in Illinois, è stato ucciso dalla polizia, intervenuta appena tre minuti dopo i primi spari.

Scalise è in condizioni critiche. Il colpo che l’ha raggiunto ha causato gravi danni ed è stato sottoposto a intervento chirurgico. Anche Matt Mika, lobbista per Tyson Foods ed ex collaboratore congressuale, si trova in condizioni critiche.

L’assalitore era rimasto sconvolto dall’elezione di Donald Trump, al punto tale da non rinnovare la licenza d’ispettore edile a Bellville e di trasferirsi nell’area di Washington D.C, dove si era stabilito almeno sei settimane fa. Pare seguisse ossessivamente le notizie politiche provenienti dalla capitale commentandole sul web.

Donald Trump, che ieri compiva 71 anni, ha lodato l’eroico intervento della polizia e ha invitato il Paese all’unità, affermando che gli Stati Uniti sono più forti quando sono compatti. Bernie Sanders, il senatore democratico che tanto a lungo aveva conteso la nomination presidenziale a Hillary Clinton, ha condannato fermamente quanto accaduto, definendosi affranto per «l’azione abominevole». Anche il Congresso si è riscoperto, dopo molto tempo, unito. Il presidente della Camera, il repubblicano Paul Ryan, ha definito l’attacco come un attacco contro tutti.  La partita di baseball di oggi si svolgerà come pianificato ma il presidente Trump non vi prenderà parte per motivi di sicurezza.