Ora Amazon ti può spiare in camera da letto


Dalla compagnia simbolo degli acquisti on-line ecco Echo Look: ogni mattina può aiutarti a scegliere il tuo abbigliamento. Come? Con una telecamera nella stanza del cliente, risollevando il problema delle informazioni personali sui cloud commerciali


L’intelligenza artificiale è nelle nostre case: frigoriferi che si auto-scannerizzano e fanno la spesa online, lavatrici che capiscono autonomamente il programma di lavaggio più adatto, orsetti per bambini che funzionano come Whatsapp, televisori che rispondono a comandi vocali. E poi c’è Alexa, il gioiello tecnologico di Amazon che risponde a tutto, ma proprio tutto. Ora però Alexa si evolve: ha anche degli occhi – e una macchina fotografica. In sostanza, non solo ti ascolta e registra, ma ti vede. Il nuovo dispositivo Echo Look, presentato ufficialmente il 26 aprile, è il paradiso dei selfie-addicted. E il terrore di chi conosce un po’ di fantascienza o è preoccupato della propria privacy.

 

L’intento principale di Echo Look è aiutare l’utente a decidere quale look scegliere, facendosi scattare una foto o un video per poi riguardarsi nel telefono. Giusto perché uno strumento per farlo non esisteva già (lo specchio). Echo look però si spinge oltre: consiglia quale abbinamento sia il migliore in base all’occasione, a come veste addosso, e ai fashion trends del momento. E se l’outfit non convince, Echo Look può anche consigliarti una cosa da acquistare al volo su Amazon.

Sembra tutto magnifico, ma c’è un dettaglio da non sottovalutare: così facendo nella camera da letto ci sarà un dispositivo con telecamera collegato ad un cloud. Un invito a caratteri cubitali per gli hacker più annoiati.

Ma senza arrivare a scenari distopici in stile Black Mirror, un dispositivo di questo tipo farà conoscere ad Amazon molto più del nostro “stile”. I dati che si possono raccogliere attraverso le fotografie sono innumerevoli: se si è single o sposati, felici o depressi, che tipo di religione si segue, qual è l’orientamento sessuale.

Ma cosa ci farà Amazon con questi dati? C’è intenzione di rivenderli? Viene menzionato l’uso di queste informazioni nella lunga lista di “termini di accettazione” che tutti spuntiamo senza leggere? Il sito Mashable lo ha chiesto a un portavoce dell’azienda che li ha reindirizzato alle Frequently Asked Question di Alexa.

Cioè non hanno risposto. Cosi come non hanno risposto alla stessa domanda posta da Motherboard. Ciò che invece è stato chiaramente detto è che tutte le foto scattate con Echo Look vengono salvate nel cloud “AWS” (Amazon Web Service) e localmente nella memoria dello stesso dispositivo, e lì rimangono fino a quando l’utente non le cancella, utilizzando l’app.

Le foto e i video, oltre agli audio godranno della stessa sicurezza di tutte le altre informazioni sensibili che consegniamo ogni giorno ad Amazon: indirizzo, password, dati di navigazione etc. La compagnia ha spesso ribadito di essere a prova di hacker, ma bisogna tenere a mente che tutto ciò che è legato ad un computer è hackerabile. Prima o poi, la falla si trova.

Per ora il nuovo dispositivo è disponibile solo negli Stati Uniti per 199 dollari. L’Italia, conosciuta nel mondo come la patria del fashion, potrebbe non essere tra i principali recettori per un computer che consiglia come vestirsi. E per una volta, la scarsa  attitudine tecnologica degli Italiani potrebbe salvarci.