Che si dice oggi: da Trump a YouPorn


Fbi contro Trump L’Fbi ha confermato per la prima volta di aver avviato delle indagini su alcuni degli uomini che si sono occupati della campagna elettorale di Donald Trump e sui loro presunti legami con la Russia, accusata di aver


Fbi contro Trump

L’Fbi ha confermato per la prima volta di aver avviato delle indagini su alcuni degli uomini che si sono occupati della campagna elettorale di Donald Trump e sui loro presunti legami con la Russia, accusata di aver interferito nelle presidenziali americane.

Nintendo batte YouPron

Durante il lancio della nuova console Switch di Nintendo il traffico su YouPorn è calato del 17%. Il calo delle visualizzazioni è significativo per gli utenti del sito, ma non è la prima volta che viene tradito per eventi tecnologici.

Pyongyang ha pronto un nuovo missile: ancora più potente

La Corea del Nord ha dichiarato di essere pronta a testare un nuovo motore che potrebbe aiutare a lanciare missili ancora più potenti. La notizia ha ulteriormente peggiorato i rapporti con la vicina Seoul e con Pechino e suona anche come una risposta alle dichiarazioni di Trump che non ha escluso la possibilità di un intervento armato contro Pyongyang.

Dibattiti alla francese

Atteso per questa sera il primo dibattito in cui i candidati all’Eliseo si sfideranno in tv. Per ora i sondaggi vedono in testa Macron, seguito dalla leader del Fn Marine Le Pen.

Caos Rai: chieste le dimissioni di Paolo Perego e dei suoi autori

Proseguono le polemiche sul programma Parliamone sabato di Parola Perego, durante il quale è comparsa la lista che spiegherebbe il successo delle donne dell’est con gli uomini italiani. Il web è esploso chiedendo la dimissioni degli autori della puntata e della Perego. Sono arrivate via twitter le scuse di Andrea Fabiano e Monica Maggioni.

Grillini contro Grillo

La candidata sindaca di Genova esclusa da Grillo ha cominciato un silenzio stampa, ma si parla già di un’azione legale nei confronti del fondatore del Movimento.

Ordine di arresto per il cognato di Fini

A Giancarlo Tulliani, cognato dell’ex presidente della Camera, viene contestato il reato di riciclaggio nell’ambito dell’inchiesta sui rapporti, ritenuti illeciti, della famiglia con Francesco Corallo, il re dello slot. Anche Fini è indagato per lo stesso reato.