Napoli: arrivato il Real, c’è la pizza CR7 per Ronaldo


Blindato l’hotel in centro dei madrileni, che hanno preso tutte le 150 stanze disponibili: «Mai vista una cosa del genere» dichiarano da palazzo Caracciolo. Avversari fischiati all’arrivo


L'arrivo del Real Madrid in hotel
L’arrivo del Real Madrid a Palazzo Caracciolo

«E’ tutto assolutamente blindato, qui non avevamo mai visto una cosa del genere». Anche la reception di palazzo Caracciolo, hotel di lusso preso in blocco dal Real Madrid, è presa dalla febbre che ha colpito Napoli in vista della partita di domani sera. «Per il nostro albergo è la prima volta, il Chelsea per gli ottavi del 2012 alloggiò da un’altra parte, mentre per la sfida di trent’anni fa il Real scelse “La Medusa” di Castellammare di Stabia. Però stavolta c’è molta più attesa e coinvolgimento. Non possiamo dire altro» afferma una delle receptionist dell’hotel, situato in pieno centro e completamente transennato. Allo staff di palazzo Caracciolo è stato anche impedito di scattare foto o selfie con gli ospiti, nella speranza di non ripetere il “caso diplomatico” creatosi con il Chelsea cinque anni fa, quando dopo una riunione tecnica al “Vesuvio” Villas Boas lasciò incustodito il fogliettino della formazione. Che poco dopo finì su internet, diventando di dominio pubblico e irritando il portoghese: «Lo staff dell’hotel non ha fatto un buon lavoro, sono deluso» dichiarò l’ex tecnico dei Blues.

La formazione dimenticata da Villas Boas
La formazione dimenticata da Villas Boas nel 2012

A scanso di equivoci, le merengues hanno bloccato tutte le 150 camere disponibili: per i calciatori, lo staff e i cinque cuochi che sono arrivati direttamente da Madrid. Come da programma, all’una e mezza gli spagnoli sono entrati all’interno della struttura, lasciando il pullman scortato dalla polizia. Centinaia di tifosi assiepati vicino all’ingresso hanno intonato cori e fischiato la squadra madrilena. I supporter ospiti saranno quasi tre mila, mentre il San Paolo toccherà quota 56 mila spettatori e la sfida diventerà la seconda partita più ricca di sempre nella storia del calcio italiano: 4,4 milioni e mezzo di euro di incasso per i partenopei. Solo Milan-Barcellona fece di più, nel marzo 2012, con un introito per i rossoneri di 4,6 milioni.

La pizza CR7 spuntata in centro
La pizza CR7 spuntata in centro

Certamente le cifre sono lontane dagli oltre 83 mila presenti nell’impianto di Fuorigrotta nel settembre dell’87, quando ci fu l’unico incrocio europeo con i madrileni che costò ai napoletani l’eliminazione dalla Coppa Campioni. Stamattina in centro è spuntata anche la pizza CR7, pronta per l’occasione in una pizzeria di Via Carbonara. L’uscita per la rifinitura di oggi farà sì che la squadra iberica provi il tragitto dall’albergo allo stadio, circa 12 chilometri che obbligheranno la squadra di Zidane a partire con largo anticipo per evitare il traffico intenso. L’alloggio dei rivali in un altro hotel rispetto al solito è questione di scaramanzia nella patria della superstizione. Arsenal, Bayern e Chelsea avevano alloggiato al “Vesuvio” e per gli azzurri non era finita bene.