La «sindrome di Pablito» a Euro 2016: puntate su Rashford


Da ripescati a protagonisti, come accadde a Spagna ’82 a Rossi, convocato da Bearzot dopo 2 anni di squalifica. E a Francia 2016? Storie di giocatori che non ti aspetti: da Sturaro a Rashford, da Bellerìn a Gignac.


 

PAOLO-kuMD-U43020331966727v5E-1224x916@Corriere-Web-Sezioni

 

L’uomo che non ti aspetti. Quello che non ci doveva neanche essere. Quello che non era stato invitato alla festa e diventa il mattatore della serata. Quello al posto giusto al momento giusto.

Chiamatelo caso, destino. O semplicemente fattore «C». Infortuni e defezioni. Sanzioni disciplinari e codice etico.Le 16 Nazionali pronte a debuttare a Euro2016 sono alle prese con i classici forfait dell’ultimo secondo. E allora ecco la chance per i ripescati.

Italian Soccer friendly match - Borussia Dortmund vs Juventus St. Gallen - AFG Arena - 25/07/2015 Stefano Sturaro - juventus - fotografo: Fabrizio Forte

Chiedere a tal proposito a Sturaro e Jorginho, ancora   in ballottaggio per un posto nelle lista dei 23 del c.t Antonio Conte. Stasera alle 20:30 questo nodo sarà sciolto. Bianconero in vantaggio.

Ma se ci fossero stati Marchisio e Verratti, chissà dove sarebbero stati? Formentera, Copacabana, Forte dei Marmi, Ibiza. Insomma, in vacanza. Lontano dalle pressioni della Nazionale azzurra. E invece eccoli correre sui campi di Coverciano, pronti a giocarsi un posto per L’Europeo. Almeno fino a stasera.

Varane e Zouma out. La Francia si affida al centrale del Lione, classe ’93, Umtiti e al neovincitore dell’Europa League con il Siviglia, Adil Rami. Al Milan faceva da riserva ad Alex e Zapata. In Andalusia è rinato e ha portato a casa anche una coppa. Adesso la Nazionale, con il mondiale in casa. Strani casi del destino.

Gignac-es-convocado-por-Francia

André-Pierre Gignac. Il 18 giugno 2015 era stato ingaggiato dai messicani del Tigres. Per un giocatore di 30 anni sembrava una sorta di prepensionamento. Invece eccolo tornato nella sua Francia, pronto a giocarsi le sue chance a Euro 2016. Con tanto di «Mercy Karim». Benzema si intende. L’attaccante del Real si è giocato il posto dopo aver ricattato Valbuena per alcuni video a luci rosse. Gignac lascerà volentieri da parte il sombrero e il guacamole per un mese. Il Messico per ora può attendere.

Dai banchi della Ashton on Mersey School, al Manchester United. E adesso sta per arrivare anche Euro 2016. Tutto in 4 mesi. E’ la storia di Marcus Rashford. Il 25 febbraio scorso fa il suo esordio tra i professionisti a 18 anni e 117 giorni. Segna una doppietta con cui stende i danesi del Midtjyand in Europa League. Diventa il più giovane giocatore dello United a segnare in un match ufficiale. Prima di lui il record di precocità era di un certo George Best. Storia di un predestinato. L’infortunio di Martial a pochi minuti dall’inizio della partita contro il Midjyland gli ha spalancato le porte dello United. Quello di Welbeck, contro il City, lo sta avvicinando all’ Arc de Triomphe.

rashford2

Storie dalla Spagna. Ha vinto la Champions League appena 4 giorni fa, ma è già un lontano ricordo. Lucas Vazquez, attaccante 24 enne del Real Madrid, si è ritrovato da fare la comparsa con Benitez, a giocare una finale della massima competizione europea per club. E adesso punta dritto alla Francia. Tutto merito ( o colpa) delle precarie condizioni fisiche dell’attaccante del Chelsea Diego Costa.

Stesso destino per un altro spagnolo. Un ex canterano del Barcellona, che ha trovato fortuna nel nord-est di Londra. Hector Bellerìn, difensore dell’Arsenal, davvero non poteva crederci quando ha saputo del forfait del terzino del Real Carvajal. Problemi ai tendini peril giocatore dei Blancos durante la finale di Champions di sabato sera.

Weigl e Kimmich si giocano il posto lasciato libero da Gundogan nella Germania. Entrambi classe ’95. Il primo gioca nel Borussia Dortmund, il secondo nel Bayern Monaco. 30 presenze in stagione per Weigl. 25 per Kimmich, che può ricoprire anche il ruolo di difensore centrale. Chiedere di lui alla Juventus, che in Champions ha riaperto una qualificazione per un errore del giovane del Bayern.

renato-sanches-benfica_3416700

Per Tiago e Fabio Coentrao la Francia sarà solo una meta turistica. Almeno per questa estate. Entrambi infortunati, il loro posto sarà preso da due giovani molto promettenti. Sull’out di sinistra del Portogallo, al posto del terzino del Monaco, si giocherà un posto da titolare Raphael Guerreiro. Il terzino del Lorient, classe ’93, era stato anche accostato al Milan nelle scorse sessioni di mercato. Adesso arriva l’occasione della ribalta europea, dopo anni di anonimato. Stessa sorte del classe ’97, Renato Sanches. Il Bayern ha già sborsato circa 35 milioni per strappare il diciottenne al Benfica. Probabile vederlo in campo a Euro2016, per più di qualche spezzone di partita.

Sono arrivati all’Europeo per caso. Perché gli altri non c’erano. Ma gli assenti hanno sempre torto. Potranno essere le sorprese della competizione. Non hanno nulla da perdere. Non ci dovevano neanche essere. Chissà che non li colpisca la sindrome di Paolo Rossi. Pablito fu chiamato a sorpresa dal c.t Bearzot al Mondiale dell’82, dopo la squalifica che lo aveva tenuto fermo per 2 anni. Fece 6 gol, vinse il Pallone d’Oro e conquistò la Coppa del Mondo in Italia.

Chiamatelo fattore scherzo del destino. Oppure fattore «C».