Tragedia Argentina: il video dello scontro tra elicotteri


Dieci i morti: tra le vittime dell’incidente aereo la nuotatrice francese Camille Muffat, il pugile Alexis Vastine e la velista Florence Arthaud. Ancora da accertare le cause


031550107-3d9ef448-cc5f-40dc-8edb-b52102301ab3La Francia è sotto choc per il grave incidente capitato ai partecipanti al reality show Dropped del canale TF1. Dieci persone sono morte in seguito alla collisione di due elicotteri nella provincia settentrionale argentina di La Rioja, luogo dell’ambientazione della trasmissione della tv francese.

Tra le vittime, tre atleti famosi protagonisti del reality: Camille Muffat, medaglia d’oro di nuoto ai giochi olimpici di Londra, la velista Florence Arthaud e il pugile Alexis Vastine, bronzo a Pechino 2008. Nell’incidente hanno perso la vita i francesi Laurent Sbasnik, Lucie Mei-Dalby, Volodia Guinard, Brice Guilbert, Edouard Gilles e i due piloti argentini Juan Carlos Castillo e Roberto Abate. La procura di Parigi – secondo Bfm Tv – ha aperto un’inchiesta per omicidio involontario.

IL VIDEO DELL’INCIDENTE:

Camille Muffat, 25 anni, era una delle atlete francesi più vincenti degli ultimi anni nello stile libero. Alle Olimpiadi di Londra nel 2012 aveva conquiCamille-Muffat-une-medaille-au-gout-amer_visuel_article2stato un oro e un argento nelle stesse gare disputate da Federica Pellegrini. Dopo la parziale delusione ai mondiali di Barcellona nel 2013 (due medaglie di bronzo nei 200m e nella staffetta 4×200), decide di ritirarsi dall’attività agonistica nel 2014.

 

alexisAlexis Vastine, 29 anni, era il boxeur che aveva fatto commuovere la Francia sia a Pechino 2008   medaglia di bronzo, dopo aver perso in semifinale a causa di un dubbio provvedimento arbitrale – sia a Londra quattro anni dopo, quando il podio gli era stato negato per un’analoga decisione.


2622055Florence Arthaud
, 57 anni, era nota in patria come “la fidanzata dell’Atlantico“. Esperta velista, nel 1990 si era imposta nella celebre Route du Rhum, la più importante traversata dell’oceano in solitaria,  dalla Bretagna al Guadalupa.

Il programma Dropped, format molto simile a L’isola dei famosi, sarebbe andato in onda questa estate. Lo scopo del reality sarebbe stato quello di mettere di fronte due squadre di atleti, in mezzo alla natura selvaggia, con l’obiettivo di riuscire a ricaricare i propri telefonini in tre giorni. Anche nel 2013 un programma simile andato in onda su TF1 è stato segnato da una tragedia: un partecipante, Gérald Babin, era morto per un arresto cardiaco. In seguito all’episodio, il medico della trasmissione si era suicidato.

IL TRAILER DEL PROGRAMMA DROPPED:

040533280-1226ff98-e1b8-4eb0-a1c1-704124a47909
LA MAPPA DEL LUOGO DELLO SCONTRO

Ancora da chiarire le cause dell’incidente: secondo le autorità locali, ci sarebbe stata un’esplosione provocata dalla collisione dei due velivoli, che procedevano affiancati per permettere ai cameraman di effettuare riprese aeree. Da escludere che si siano presentate difficoltà a causa delle condizioni del tempo, perché il cielo era sereno al momento dello scontro. Secondo il quotidiano argentino El Clarìn, ci sarebbero due ipotesi alla base dell’incidente: l’errore umano o una corrente termica che avrebbe “risucchiato” uno dei due mezzi.

Sotto choc anche gli altri protagonisti del reality che non si trovavano a bordo degli elicotteri precipitati. Si tratta di volti noti dello sport, come il nuotatore Alain Bernard, la ciclista Jeannie Longo, il pattinatore Philippe Candeloro, la campionessa di snowboard Anne-Flore Marxer e l’ex calciatore dell’Arsenal e della nazionale transalpina Sylvaine Wiltord. Quest’ultimo, via Twitter, ha commentato così l’accaduto:

Cordoglio dal Presidente francese Francois Hollande che, sempre su Twitter, scrive: “L’improvvisa scomparsa dei nostri concittadini francesi è causa di immensa tristezza”. Anche il premier Manuel Valls ha voluto esprimere la sua vicinanza alle famiglie delle vittime: “È tutta la Francia, questa mattina, a essere in lutto”, è il messaggio lanciato dal primo ministro francese. La scomparsa degli atleti ha scosso anche il mondo dello sport italiano. I primi a esprimere dolore per la vicenda sono stati Federica Pellegrini e Filippo Magnini, entrambi emotivamente coinvolti perché conoscevano bene Camille Muffat. “A volte la vita non è giusta” ha commentato la Pellegrini, “assurdo morire a 25 anni”, le fa eco Magnini.