Ucraina, 33 morti in un’esplosione in miniera a Donetsk


L’incidente avvenuto nella miniera di Zasjadko, nel territorio controllato dai separatisti. E il presidente ucraino Petro Poroshenko accusa: “I separatisti hanno ostacolato i soccorsi”


Unknown-1Questa volta il fragore nei pressi di Donetsk non è stato quello di un colpo di artiglieria. Si è trattato di un’esplosione nella miniera di Zasjadko controllata dai ribelli filorussi. Trentatre le vittime accertate.   L’emittente Rossija-24 ha riferito delle difficoltà incontrate dai soccorsi nel raggiungere il luogo dell’incidente, devastato dalla conflagrazione. La notizia dell’incidente è stata diffusa dalle autorità separatiste, che hanno individuato in una fuga di gas la causa della tragedia.

La guerra, per una volta non responsabile del lutto in Ucraina, non ha però risparmiato le polemiche. Il premier ucraino Arsenij Jatsenjuk e il presidente Petro Poroshenko hanno lanciato un appello alla Russia perché eserciti la propria influenza sui separatisti. Secondo la versione di Kiev, infatti, questi avrebbero impedito l’intervento di 60 soccorritori nella miniera sconvolta dall’esplosione. Un luogo, in ogni caso, a cui la morte aveva già fatto visita: quello del 4 marzo non è stato, infatti, il primo incidente letale negli ultimi anni.