Corte giustizia Ue, Hamas fuori dalla lista dei terroristi


Intanto il Parlamento europeo ha votato oggi una risoluzione per il riconoscimento dello Stato di Palestina con il ritorno ai confini del ’67


hamas-armed-wing-numbers-in-the-tens-of-thousands-and-its-ready-for-a-long-conflictLa questione palestinese è oggi sotto i riflettori di mezzo mondo. È infatti una giornata importante quella odierna dal momento che sia la Corte di Giustizia dell’Ue, sia il Parlamento Europeo che il Consiglio di Sicurezza dell’Onu, si sono interessati al Medio Oriente. La Corte di Giustizia dell’Ue ha infatti annullato la decisione dell’Unione di iscrivere Hamas nella lista delle organizzazioni terroristiche. Si tratta di “una sentenza legale, non una decisione politica” ha specificato però la portavoce dell’Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione, Maja Kocijancic. “La Ue continua a considerare Hamas un’organizzazione terroristica”, ha continuato la portavoce. Il Consiglio ha tre mesi di tempo per presentare ricorso e che è attesa “un’azione correttiva” del vizio procedurale rilevato dalla Corte di Giustizia europea.

Decisione accolta con favore da Hamas. “Questa è la correzione di un errore commesso dall’Ue nel 2003″, ha detto Sallah al-Brdwail, un dirigente del gruppo, alla agenzia al-Quds. “Terrorismo è l’occupazione e noi ne siamo le vittime”. 

“Oggi abbiamo visto esempi sconvolgenti dell’ipocrisia europea“. Lo ha detto invece Benyamin Netanyahu riguardo le decisioni assunte oggi da vari organismi Ue. “A quanto pare – ha aggiunto – troppe persone in Europa, nella stessa terra dove 6 milioni di ebrei sono stati massacrati, non hanno imparato alcunché”.

Intanto, mentre la Corte si pronuncia sull’eliminazione di Hamas dalla lista nera dei terroristi, il Parlamento Europeo vota sul riconoscimento dello Stato della Palestina. È passata, infatti, a larga maggioranza (498 sì, 88 no e 111 astensioni) a Strasburgo una risoluzione che sostiene il ritorno ai confini del 1967, e appoggia la soluzione dei due Stati con Gerusalemme capitale. La risoluzione è stata presentata da cinque gruppi, Ppe, S&D, Sinistra Unita (Gue), Liberali e Verdi. 

E intanto anche l’Onu ha mosso dei passi verso il riconoscimento dello Stato di Palestina. La bozza di risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu sulla Palestina verrà infatti messa ‘in blu’ nella giornata di oggi, ovvero potrebbe essere votata nelle prossime 24 ore. Il testo è basato sulla bozza francese con alcune “osservazioni da parte dell’Anp” e afferma che “entro 24 mesi dall’adozione della risoluzione deve essere trovata una soluzione pacifica, giusta e duratura che soddisfi la visione di due Stati indipendenti“.

Il testo della risoluzione del Parlamento Europeo

La mappa con i confini del 1967

carta_colori2_500

Di seguito la lista delle organizzazioni terroristiche riconosciute dall’Unione Europea, aggiornate al 2005

  • Abu Nidal
  • Brigata dei Martiri di al-Aqsa
  • al-Aqsa e.V.
  • Al-Takfīr wa-l-Hijra
  • Aum Shinrikyo
  • Babbar Khalsa
  • Partito Comunista delle Filippine, incluso il Nuovo Esercito Popolare
  • Continuity Irish Republican Army (CIRA)
  • Euskadi Ta Askatasuna/Tierra Vasca y Libertad/Patria basca e libertà (ETA), comprendente le organizzazioni: KAS, Xaki, Ekin, Jarrai-Haika-Segi e Gestoras pro-amnistía
  • Al-Jama’a al-Islamiyya
  • Fronte islamico dei combattenti del grande oriente
  • Grupos de Resistencia Antifascista Primero de Octubre/Gruppo di resistenza antifascista 1º ottobre (GRAPO)
  • Hamas, incluso Brigate ʿIzz al-Dīn al-Qassām
  • Hizbul Mujahideen
  • Holy Land Foundation for Relief and Development
  • International Sikh Youth Federation
  • Solidarietà Internazionale
  • Kahane Chai
  • Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK)
  • Loyalist Volunteer Force (LVF)
  • Mujahidin-e Khalq (MEC o MKO), eccetto il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (NCRI)
  • Esercito di Liberazione Nazionale/Ejército de Liberación Nacional (ELN)
  • Orange Volunteers (OV)
  • Fronte di liberazione della Palestina
  • Movimento per il Jihad Islamico in Palestina, altrimenti detto Jihad islamica palestinese (PIJ)
  • Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina — Comando Generale (FPLP-GC)
  • Real IRA
  • Brigate Rosse per la costruzione del Partito Comunista Combattente (BR-PCC)
  • Red Hand Defenders (RHD)
  • Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC)
  • Nuclei rivoluzionari/Epanastatiki Pirines
  • Organizzazione Rivoluzionaria 17 novembre/Dekati Evdomi Noemvri
  • Devrimci Sol o Esercito/Fronte/Partito rivoluzionario popolare di liberazione (DHKP/C)
  • Lotta popolare rivoluzionaria/Epanastatikos Laikos Agonas (ELA)
  • Partido Comunista Peruano – Sendero Luminoso/Sentiero Luminoso (SL)
  • Stichting Al Aqsa (pseudonimo Stichting Al Aqsa Nederland, pseudonimo Al Aqsa Nederland)
  • Brigata XX Luglio
  • Ulster Defence Association/Ulster Freedom Fighters (UDA/UFF)
  • Autodifese Unite della Colombia (AUC)
  • Nucleo di iniziativa proletaria rivoluzionaria (risultati inattivi)
  • Federazione Anarchica Informale tra cui la cellula Cooperativa artigiana fuoco ed affini