Cisgiordania, feriti con l’acido un uomo e le sue 4 figlie


Arrestato l’attentatore, colpito alle gambe mentre tentava di scappare dal checkpoint in cui è avvenuto l’attentato. Le vittime non sono in gravi condizioni


Ennesimo episodio di violenza in Medio Oriente: un uomo ha colpito con l’acido una famiglia di coloni ebrei, ferendo il padre e le sue 4 figlie. L’attentato è avvenuto in Cisgiordania nei pressi di un checkpoint sulla strada 60 che da Gerusalemme porta a Betlemme. Le condizioni delle vittime, che hanno riportato delle ustioni al viso e alle mani, non sono però gravi. Una fonte palestinese ha detto al quotidiano Ynet che l’attentatore sarebbe Jamal Shaharna, che è stato colpito alle gambe mentre cercava di fuggire e successivamente arrestato.

In queste stesse ore un altro palestinese nei pressi di Nablus ha lanciato la sua auto contro la barriera di un checkpoint israeliano. Nell’ultimo mese è l’undicesimo attentato da parte di lupi solitari palestinesi contro ebrei israeliani.

[Il luogo in cui è avvenuto l’attentato: in un checkpoint tra il villaggio palestinese Husan e l’insediamento Beitar Illit, a sud di Gerusalemme] Schermata 2014-12-12 alle 15.31.16