Carabiniere trovato morto in caserma a Roma. Ipotesi suicidio


Prima di morire avrebbe lasciato su Facebook un messaggio in cui dice di essere Adam Kadmon e di lavorare per i servizi segreti


CarabiniereÈ l’ultimo mistero di Adam Kadmon. O almeno di chi, in punto di morte, ha sostenuto di essere il vero volto del personaggio immaginario noto come esperto di teorie del complotto. Ieri, verso le 22:30, il carabiniere Luis Miguel Chiasso è stato trovato esangue dai colleghi nella sua stanza della Caserma “Salvo D’Acquisto” di Roma. A ucciderlo un colpo di pistola al petto.

Poco prima di morire l’uomo, originario della provincia di Terni e arruolato nell’VIII Reggimento Lazio, avrebbe chiamato il 112 in stato confusionale. Avvisati dal militare che aveva risposto al telefono, i colleghi sono accorsi, hanno forzato la porta della stanza, chiusa dall’interno, ma Chiasso era già senza vita. La procura ha disposto l’autopsia. Sulla morte indagano i carabinieri del nucleo investigativo: al momento l’ipotesi è quella del suicidio.

La vicenda si ammanta però di mistero a causa di un messaggio scritto poco prima che il militare morisse su un profilo Facebook a suo nome: “Lavoro per i servizi segreti italiani ed internazionali […] mi resta poco da vivere so già che stanno arrivando per chiudere la mia bocca per sempre“.

All’inizio del testo si legge inoltre: “Ciao popolo. Vi prego condividete e urlate al mondo intero.
Sono Luis Miguel Chiasso qualcuno mi conosce sente le mie parole alla TV mi sono creato il personaggio con un attore di Adam Kadmon, vi avevo promesso che avrei levato la maschera come faccio a sapere tante cose?”.

Adam Kadmon è uno pseudonimo di una o più persone che si occupano di misteri, complotti e esoterismo. A suo nome sono comparsi anche libri e sono andate in onda rubriche su Radio 105 e speciali su Italia 1 nella trasmissione Mistero. Tutto il profilo Facebook che appartiene, almeno apparentemente, a Luis Miguel Chiasso è pieno di messaggi e profezie indecifrabili. Un vero mistero.