Maltempo, a Roma massima allerta fino alle 24


Stamattina metro e scuole chiuse, ma domani gli istituti riaprono. Marino: “Situazione sotto controllo”. Allagamenti nella Capitale e in molte zone d’Italia.


tibur
Sottopasso della stazione Tiburtina allagato

A Roma ha ripreso a piovere dopo la tregua di questa mattina, proprio mentre si stavano scatenando le polemiche sul possibile eccessivo allarmismo delle istituzioni.  

Il nubifragio ha colpito tra le 15 e le 16 il litorale di Ostia e i quartieri sud, in particolare Casalpalocco e Infernetto, dove numerose strade sono allagate. E anche Roma Nord è stata colpita da una violenta grandinata.

Codice rosso fino alle 24 – “Massima allerta fino a stanotte, poi domani scatterà il codice arancione. Dobbiamo mantenere alta l’allerta ma visto che la situazione andrà verso il codice arancione il Prefetto ha deciso le scuole domani mattina apriranno“. Lo ha dichiarato il vicesindaco di Roma Luigi Nieri al termine della riunione in Prefettura. 

“Quando si è di fronte a fenomeni eccezionali le polemiche vanno lasciate da parte”, ha sottolineato Nieri. “Vorrei sottolineare – aggiunge – che il massimo delle precipitazioni si è raggiunto proprio quando i nostri ragazzi sarebbero dovuti entrare a scuola”.

“La perturbazione sta passandoaveva detto questa mattina Francesco Mele al giornale radio di Reporter Nuovo – anche se manteniamo alto il livello di attenzione perché non si è completamente esaurita. Ci aspettiamo ancora nella seconda parte della giornata altre piogge, anche se il maltempo si sta spostando verso il Lazio meridionale”.

“Abbiamo individuato cinquanta aree particolarmente critiche all’interno di Roma Capitale – aveva aggiunto Mele – che sono presidiate da volontari della Protezione Civile. Sono le zone che, dal punto di vista del territorio, sono più depresse, quelle che presentano costantemente problemi di allagamento e di inondazioni dovuti al reticolo secondario (fossi e canali). I volontari sono là per monitorare la situazione e per indicare a chi è responsabile del soccorso e della manutenzione dei corsi d’acqua come operare in caso di problemi”

RIAPRONO LE SCUOLE – Domani le scuole a Roma e provincia riapriranno. È stato deciso nel corso di una riunione in Prefettura Roma. La decisione è stata presa in considerazione del declassamento dello stato di allerta che da domani da rosso passerà ad arancione.

“SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO” – “In questo momento la situazione a Roma è sotto controllo”: lo ha detto nel primo pomeriggio il sindaco di Roma Ignazio Marino a margine dell’assemblea dell’Anci, a Milano, aggiungendo che “sono state attuate tutte le misure per far fronte alla grave emergenza maltempo, con idrovore mobili e fisse, ruspe e quant’ altro, e ora la situazione è sotto controllo”.

La diretta twitter della Polizia Municipale di Roma


LA MATTINATA – Forti piogge, strade allagate, stazioni della metropolitana chiuse. Il maltempo imperversa e crea disagi in molte zone d’Italia, soprattutto a Roma, dove stamattina le scuole e università sono rimaste chiuse secondo quanto disposto dal Prefetto. E dopo una mattinata di schiarite che ha seguito il nubifragio delle prime ore delle giornata, per il pomeriggio, intorno alle 14.30, è previsto un netto peggioramento delle condizioni meteo.

La Capitale si è svegliata sotto l’acqua e livello dell’allerta è passato da “rosso” a “viola”. Quattro stazioni della metro sono rimaste chiuse: Giulio Agricola, Porta Furba, Lucio Sestio e Colli Albani, per poi riaprire nel corso della mattinata. Traffico nel caos in molte aree della città e sul Gra. Sei voli della Ryanair in arrivo all’aeroporto di Ciampino tra le 7 e le 8.30 sono stati dirottati sullo scalo di Fiumicino.

L’allerta resta alta anche a Carrara, dove ieri, per l’ennesima volta, è esondato il torrente Carrione: gran parte degli sfollati sono comunque tornati a casa o hanno trovato sistemazione in strutture di accoglienza. Colpita anche la Sicilia: Catania investita da un tornado. Al Nord, aumenta il livello del Po. Le piogge hanno provocato allagamenti e frane in Trentino-Alto Adige e nel resto del nordest, in Calabria, in Toscana e in Liguria

Due vittime in Svizzera, nel Canton Ticino: una donna e sua figlia di tre anni sono morte per una frana che ha travolto la loro casa in Ticino. La loro casa era stata travolta da una colata di fango e detriti ieri sera ma i corpi sono stati trovati solo stamattina.

C’è anche una buona notizia: stamattina a Roma, sotto la pioggia, un’ambulanza del 118 ha soccorso una ragazza di 22 anni colta dalle doglie del parto in auto, in un’area di servizio alle porte della città. Poco dopo, in ambulanza, è nata una bimba. Madre e figlia stanno bene e sono state portate all’ospedale di Tivoli.

La situazione in tempo reale con il Comune di Roma

ROMA – Forti disagi al traffico in mattinata a causa del maltempo che ha provocato numerosi allagamenti e chiusure. Il momento più critico si è ergistrato dalle 8,50. Si è cominciato con la Tiburtina chiusa in direzione piazzale stazione Tiburtina per l’allagamento del sottovia. Forti rallentamenti e code anche sul Grande Raccordo AnulareChiusura anche sulla Prenestina, dove all’altezza della Togliatti sono saltati anche i semafori. Allagamenti anche in via di Tor Pignattara e viale della Primavera dove i bus sono stati deviati. Allagamenti diffusi tra Porta Metronia e piazzale Labicano-Porta Maggiore. Il tweet dell’assessore alla Cultura di Roma, Giovanna Marinelli.  

Ancora un vasto allagamento dell’area antistante la fermata Roma-Lido a Piramide, anche con 30 cm di acqua, terminato alle 9,20, che ha costretto le persone ad accedere ai treni passavano dalla fermata metro Piramide. Alle 9,15 chiusa per allagamento anche via del Tintoretto altezza via Tre Fontane. Chiusa poi la rampa Laurentina in direzione fuori Roma. Allagamento anche in via del Caravaggio. Allagamenti diffusi in viale delle Milizie a Prati. A via Pineta Sacchetti, all’altezza del civico 87, un grosso allagamento con l’acqua che ha raggiunto il ciglio del marciapiede provocando forti rallentamenti alla circolazione. Alle 9,35 è stata chiusa la Panoramica (già interessata da uno smottamento a gennaio) in direzione Clodio. Allagato anche il sottopasso Collatina-Longoni. Allagamento anche in via Sant’Alessandro, altezza svioncolo Centrale del Latte. Alle 9,50 allagamento in via Casilina nel sottovia per Tor Bella Monaca. Al Circo Massimo invece rimane chiusa via dei Cerchi dove ieri è crollato un grosso albero. 

La diretta twitter dell’Atac

ATAC: IL SERVIZIO HA TENUTO – “Sono state riaperte tutte le quattro stazioni della metro A che erano state chiuse nelle prime ore della mattina a causa dell’eccezionale ondata di maltempo che ha colpito stamane la zona sud della Capitale”. Lo rende noto l’Atac. “Il servizio di circolazione dei treni, si precisa, è stato sempre regolare sia sulla linea A che sulla B. Per sopperire alla chiusura delle stazioni Colli Albani, Lucio Sestio, Porta Furba e Giulio Agricola, chiuse per motivi di sicurezza a seguito delle quantità di acqua affluita dal territorio circostante, Atac ha comunque attivato un servizio navetta. Sulla rete di superficie, tram e bus, si sono verificati ritardi causati anche dalle chiusure di alcune strade (Vigna Murata, via Prenestina altezza Palmiro Togliatti, ecc.) e dei sottopassi di Collatina, di via Aspertini e del sottovia della Stazione Tiburtina. Rispetto ad precipitazioni di simile intensità avvenute in passato, la rete di trasporto ha tenuto garantendo un adeguato livello di servizio“.

La diretta twitter di Roma Mobilita


ALLERTA MASSIMA – “Abbiamo in questo momento un rallentamento dell’intensità delle precipitazioni, che s’intensificheranno poi questo pomeriggio e nella notte”. Lo ha detto intorno a mezzogiorno l’assessore capitolino all’Ambiente, Estella Marino, che poi ha precisato: “Attendiamo comunque il bollettino dell’ora di pranzo per ulteriori previsioni”. Nel frattempo, il sindaco di Roma, Ignazio Marino, è a Milano per una riunione dell’Anci sui fondi da destinare al dissesto idrogeologico: “Ma sono pronto a tornare”, ha dichiarato.

Allagamenti a Roma (da youreporter.it)

Allagamenti a Roma/2 (da Voci di Roma – La Stampa)

A Roma è al lavoro la protezione civile del Campidoglio (attiva 24 ore su 24, al numero 06.67109200 o al numero verde 800854854) che ha allertato le proprie strutture operative, convocato il centro operativo comunale di piazza di Porta Metronia che ha allertato 50 associazione del settore. Una task force di circa 800 persone è al lavoro. Attivi i presidi territoriali nelle zone maggiormente esposte al rischio allagamenti (Piana del Sole, Prima Porta, Ostia-Infernetto/Bagnolo, Settebagni, Via Tiburtina – Via Scorticabove, Corcolle e Via Scartazzini) che hanno il compito di monitorare la situazione e intervenire in caso di emergenza. “Abbiamo messo a disposizione per l’occasione circa 70 idrovore dell’Ardis con la capacità di aspirare da 5.000 fino a 7000 litri al minuto” ha detto l’assessore capitolino all’Ambiente Estella Marino.