Allarme smog a Pechino: scuole e fabbriche chiuse per 7 giorni


Il governo annuncia misure eccezionali. E per mandare i cinesi in vacanza durante il vertice dell’Apec invita le agenzie di viaggio a offrire sconti


pechino-smogPechino in affanno sotto la cappa di smog. Per ridurre l’inquinamento atmosferico, giunto a livelli record, il governo municipale adotterà misure eccezionali: circolazione a targhe alterne, scuole e fabbriche chiuse dal 7 al 12 novembre. Proprio in quei giorni la città ospiterà il vertice dell’Apec, l’organizzazione che riunisce i Paesi dell’Asia/Pacifico. Il timore è che l’aria viziata potrebbe rovinare il soggiorno a Pechino di centinaia di funzionari e dirigenti politici provenienti da tutto il mondo. Tra gli ospiti attesi figurano il presidente americano Barack Obama, quello russo Vladimir Putin e il premier giapponese Shinzo Abe.

La Cina ha sempre preso misure radicali per migliorare la pessima situazione dell’ambiente in occasione dei grandi eventi. Durante le Olimpiadi del 2008 a Pechino, furono imposte severe limitazioni alla circolazione e venne addirittura ideato un sistema per modificare artificialmente il meteo. In occasione del vertice Apec a Shanghai nel 2001, fu dichiarata una vacanza di cinque giorni. Questa volta le autorità hanno messo in campo anche un nuovo stratagemma: per incoraggiare gli abitanti ad allontanarsi dalla Capitale, il governo di Pechino ha “suggerito” agli agenti di viaggio di offrire sconti speciali ai clienti tra il 7 e il 12 novembre.

Una bella notizia per i cittadini che godranno di un’altra settimana di vacanza, a meno di un mese da quella per la Festa della Repubblica, che in Cina si celebra a inizio ottobre. “È un regalo meraviglioso – ha commentato un insegnante di liceo – voglio proprio andare a visitare Shanghai!”