Hollande in Vaticano: 35 minuti con Papa Francesco


Il Presidente francese François Hollande in visita ufficiale da Papa Francesco. Una cordiale stretta di mano e un augurale “A presto”


Il Presidente francese François Hollande in visitata dal Papa

Il Presidente della Repubblica Francese, François Hollande ha incontrato oggi  Papa Francesco. Il vertice questa mattina in Vaticano. 

Stato di massima allerta sicurezza a San Pietro, per l’esplosione di una bomba rudimentale, nella notte, vicino a una fondazione francese legata all’ambasciata dell’Eliseo presso la Santa Sede. Ignoti avevano caricato l’ordigno con  esplosivo e pezzi di ferro. Poi, in mattinata,  una telefonata anonima avvertiva della presenza di un pacco sospetto nei pressi della basilica. Fortunatamente si è trattato solo di un falso allarme.

Il colloquio, seduti a una scrivania l’uno di fronte all’altro, è durato circa 35 minuti, e in molti l’hanno visto come una riconciliazione tra la laicissima e socialista Francia e la Santa Sede. Alcuni provvedimenti di Hollande avevano, infatti, suscitato le critiche della comunità cattolica, come le leggi sui matrimoni gay o sull’ “aborto facile”, e ancora il dibattito sull’eutanasia.

“Sono contento di essere qui”, ha esordito il Presidente salutando il Papa con una cordiale stretta di mano. Nell’appartamento delle udienze, in Vaticano, erano presenti i membri della della delegazione francese, tra cui un sacerdote rapito e poi liberato in Camerun. “È un miracolo” ha commentato Hollande riferendosi al buon esito della vicenda, a cui Bergoglio ha risposto “Sono molto felice”. Insieme a loro, poi, un sacerdote della Segreteria di Stato in qualità di interprete. Francesco ha tuttavia scambiato molte parole proprio in francese.

Hanno discusso di pace in Africa il Papa e il Presidente, della situazione rischiosa dei cristiani d’Oriente, del conflitto in Siria, di ambiente e del dramma della fame nel mondo. A metà mattina lo scambio rituale di doni, per Papa Bergoglio un libro su San Francesco di Assisi, da parte di Hollande . “Questo è anche il suo patrono”, ha commentato con un sorriso il Pontefice, alludendo al nome del Presidente, François.  “A bientot”, con un cordiale a presto, Hollande ha lasciato Papa Francesco.

Si tratta della prima visita in Vaticano per il Capo di Stato francese, fin dalla sua elezione nel maggio 2012. Aveva da tempo rimandato questa udienza, prima per le dimissioni di Papa Benedetto XVI, poi per le critiche della Chiesa alle sue scelte molto laiche in materia di aborto, nozze gay ed eutanasia. Qualche giorno fa, però, aveva affermato: “L’aiuto del Papa può essere prezioso”, alludendo alla guerra civile in Siria e al conflitto israelo-palestinese.

Al termine del colloquio, tuttavia, Hollande ha deciso di non recarsi nella Basilica di San Giovanni in Laterano per essere insignito del titolo “canonico d’onore”. Titolo che spetta per tradizione ai presidenti francesi e che Nicolas Sarkozy, in visita nel 2007, aveva volentieri accettato.

E il quotidiano francese Le Monde non manca di ironizzare sull’incontro tra il Papa e il Presidente francese, con questa mordace vignetta. Hollande in visita a Roma in motorino con due première dame sul sellino posteriore, mentre Papa Francesco lo rassicura con una sua celebre frase: “Chi sono io per giudicare?”.

Vignetta del quotidiano francese Le Monde

Il servizio di Maria Teresa Squillaci:

http://www.youtube.com/watch?v=aLV8CIgbftk