Scuole chiuse in Veneto: Aule troppo sporche


La spending review torna a penalizzare il settore scolastico: Chiuse tre scuole in Veneto per mancanza di pulizia e igiene


Cartello esposto fuori una delle tre scuole chiuse in veneto

È allarme pulizia per le scuole del Veneto, e oggi, 15 gennaio, tre sono state chiuse in provincia di Venezia. Le aule sono piene di polvere, le mense invivibili e le condizioni igieniche generali troppo carenti; si teme per la salute dei bambini. Situazioni a rischio anche in Campania, Sicilia ed Emilia Romagna, e i genitori scendono in piazza per protestare.

Si torna a parlare di spending review, e dei pesanti tagli che hanno colpito il settore scolastico negli ultimi anni, persino quando si parla di igiene. Nel 2011 erano 600 i milioni di euro stanziati per le ditte di pulizie esterne, calati a 400 nel 2013. L’ultima finanziaria, poi, prevede un ulteriore ribasso, fino ai 280 milioni del 2015, ma sembra che siano disponibili fondi aggiuntivi per tamponare questa emergenza almeno fino al 28 febbraio. Il piano, però, non ha retto.

I primi a ribellarsi sono i dipendenti della Manuntencoop, la ditta che si é aggiudicata la vittoria dell’appalto per la pulizia degli edifici scolastici in Veneto. Non sono più i bidelli, infatti, a mantenere pulite le scuole, bensì aziende esterne che si sfidano in gare di appalti al ribasso. Gli operatori interni vedono diminuire le proprie ore e quindi i propri stipendi, e così i dipendenti di queste stesse ditte esterne. La Cgil si schiera a loro fianco, con le parole di Elisa Camellini, segrataria della Filcams (Federazione italiana lavoratori commercio turismo e servizi):

“Le gare non garantiscono i diritti dei lavoratori: dobbiamo studiare soluzioni per dare continuità occupazionale e mantenere aperte e pulite le scuole”.

A soffrirne sono anche gli studenti, e il loro diritto allo studio, ostacolato addirittura dall’inagibilità di molte scuole. I genitori non vedono altra via se non protestare a centinaia, muniti di scope e detersivi, sotto lo stesso slogan: “scuole pulite”.