Mps, c’è un video della morte di Rossi
Lunga telefonata prima del suicidio


La morte del responsabile comunicazione ripresa da una telecamera di sicurezza


La morte di David Rossi, il responsabile comunicazione Mps, è stata ripresa da una telecamera di sicurezza. I filmati sono stati acquisiti mercoledì notte dai magistrati di Siena. Nel video si vedrebbe il dirigente precipitare dal suo ufficio a 12 metri d’altezza. Le telecamere sarebbero rimaste puntate sul corpo di Rossi per oltre venti minuti prima che venisse dato l’allarme.

Intanto si attendono i risultati dell’autopsia fatta ieri dal professor Mario Gabbrielli del Policlinico senese. L’esame dovrà chiarire tempi e aspetti medico-legali del decesso del manager-giornalista 51enne, da sei anni alla guida delle relazioni esterne di Mps prima con il presidente Giuseppe Mussari – che lo aveva voluto con sé in banca dopo averlo avuto come portavoce alla Fondazione Mps dal 2001 – poi con i nuovi vertici, Alessandro Profumo e Fabrizio Viola.

I magistrati senesi ieri hanno effettuato un altro sopralluogo nell’ufficio a Rocca Salimbeni, dopo quello di mercoledì, e hanno sequestrato i file informatici, le chiavette usb e i cellulari di Rossi. Sembra che poco prima di togliersi la vita Rossi avesse fatto una lunga telefonata; subito dopo ci sarebbero state diverse chiamate a vuoto da parte della moglie Antonella. Rossi avrebbe spedito anche diversi messaggi. Nel suo ufficio sono stati trovati tre biglietti, brevi frasi scritte a mano (sembra indirizzate alla moglie), poi gettati nel cestino quasi fossero prove di un testo definitivo. Tra questi quello con scritto: “Sto morendo, ho fatto una cazzata”.