Tredici rugbisti
arrestati per droga
dai carabinieri


Spaccio di stupefacenti durante incontri di rugby e concerti musicali


I carabinieri di Piacenza hanno arrestato trentacinque persone per detenzione e spaccio di stupefacenti, smantellando un consistente giro di droga. Si trattava soprattutto di cocaina. Le compravendite avevano luogo in occasione di incontri di rugby e durante concerti di star della musica. Lo ha reso noto con un comunicato il Comando provinciale, sottolineando il coinvolgimento della campionessa italiana e vicecampionessa europea di “natural body building” over 52 kg. L’atleta è stata già arrestata. Sono indagati anche tredici i rugbisti di squadre di serie A, B e C, accusati di reati di vario genere.

 L’operazione, estesa anche alle province di Parma, Varese, Bergamo, Brescia, Pavia, Lodi e Milano, è stata denominata “Flanker” perchè uno dei principali “attori” della vicenda ricopriva questo ruolo nella squadra di rugby in cui giocava. Come secondo lavoro però faceva il buttafuori in alcuni locali notturni e, insieme adaltri indagati, si occupava del servizio d’ordine nell’ambito di importanti eventi musicali in tutta Italia, approfittandone per smerciare stupefacenti ai concerti delle star, inconsapevoli di quanto avveniva.