Nigeriano ferito
a colpi di machete
arrestati 11 connazionali


La vittima è ricoverata in gravissime condizioni al policlinico di Tor Vergata. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il blitz sarebbe una ritorsione per un’altra aggressione avvenuta lo scorso giovedì.


Aggredito a colpi di machete, catene e bottiglie. Un ragazzo nigeriano di 25 anni è stato ricoverato in gravissime condizioni al policlinico di Tor Vergata in seguito a un raid punitivo, avvenuto domenica a ora di pranzo nel quartiere romano di Tor Bella Monaca. Un pestaggio brutale per il quale i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato undici connazionali della vittima. Secondo la ricostruzione degli agenti, l’episodio fa ipotizzare un blitz punitivo per vendicare un’aggressione avvenuta giovedì scorso ai danni di un altro cittadino nigeriano di 31 anni, tuttora ricoverato presso il Policlinico in prognosi riservata.

Le indagini dei carabinieri hanno permesso nella tarda serata di domenica di identificare i presunti aggressori del ragazzo. I fermati dovranno rispondere di tentato omicidio aggravato in concorso. Sul luogo del blitz punitivo sono stati rinvenuti un machete, alcune bottiglie di vetro, una mazza da baseball, una catena e una mazza ferrata.